Il sito sulle osterie
piú seguito
d'Italia

Estrai il sogno dal cassetto
Apri la tua Osteria
Con il marchio Sapor di Osteria

Ritorna
al portale



Aiutaci
ad arricchire
questo sito


Proverbi Piemontesi

--

 

L' vin a l'e' bon quand l'osta a l'e' bela
Il vino è buono quando l'ostessa è bella.

Grata nen el furmag prima d'avej la pastasùita.
Non grattugiare il formaggio prima di avere la pastasciutta.

Per mangè la mnestra cauda, sta dausin a la marmita.
Per mangiare la minestra calda, sta vicino alla pentola.

Quand an taula a jè poc pan, el to tenlu an man.
Quando in tavola c'è poco pane, il tuo tienilo in mano.

Fate nen cap 'd la cumpania, perché a lè 'l cap ch'a paga a l'usteria
Non diventare il capo della compagnia, perché è il capo che paga all'osteria.

Set ben at fa la supa: at gava la fam e la sei, a 't ampiniss la pansa, at pulida ij dent, at fa dôrmi ben, a fa'ndé 'd corp, e at fà la facia culuria peij'd in pum.
Sette beni ti fa la zuppa: ti toglie la fame e la sete, ti riempie la pancia, ti pulisce i denti, ti fa dormire bene, ti fa andar di corpo, e ti fa la faccia colorita come una mela.

La pulenta a fa quatr mesté: a serv da mnestra, a serv da pan, a 'mpiniss la pansa e a scauda 'l man.
La polenta fa quattro servizi: serve da minestra, serve da pane, riempie la pancia e scalda le mani.

Pan ad gran a sta pòc an man, pan ad mistura anveci a dura.
Pane di grano sta poco in mano, pane di mistura invece dura.

Ij vôija'd fé balé i dent.
Aver voglia di far ballare i denti.

Ij vissi s'amparu sensa maestro.
I vizi si imparano senza maestro.

Ël furmagg a disnè l'è or, a marenda argent, a la seira piumb.
Il formaggio a pranzo è oro, a merenda argento, a cena piombo.

Pulenta e lat buij, quatr saut e a l'é digerì.
Polenta e latte bollito, quattro salti ed è digerito.

Chi ben a beiv ben a drom, chi ben a drom a peca nen, pei lon beivuma ben'ca nduma an Paradis.
Chi beve bene dorme bene, chi bene dorme non pecca, perciò beviamo bene che andiamo in Paradiso.

Ël vin pì bun al'è cul ch'as beiv cun ij amis.
Il vino più buono è quello che si beve con gli amici.

Quand ël veg a chita'l vin, valu a serché ant l'autr mund.
Quando il vecchio smette il vino, vallo a cercare all'altro mondo.

Dui dì'd vin a dan di causs aij medich.
Due dita di vino danno il calcio al medico.

L'aptit'd pi che la sausa, a rend sauria la pitansa.
L'appetito più della salsa, rende saporita la pietanza.

La fam a l'è'l pi brau cusinè ch'a jè.
La fame è il più bravo cuoco che esista.

A vìgh-ti cùl fümaró, là l'è cà méa, s'at vóri andè a mangè va a l'usteréa!
Vedi quel comignolo, là è casa mia, se vuoi andare a mangiare va all'osteria!

L'ecunumia 'dij stasi, mangé a l'ostu per vansé a cà.
L'economia degli sciocchi, mangiare all'osteria per risparmiare a casa.

L’avar l’è pej del crin, l’è mac bun dop mort.
L’avaro è come il maiale, è buono solo dopo morto.

A taula s’ven nen vec
A tavola non si invecchia.