Il sito sulle osterie
piú seguito
d'Italia

Estrai il sogno dal cassetto
Apri la tua Osteria
Con il marchio Sapor di Osteria

Ritorna
al portale



Aiutaci
ad arricchire
questo sito


L'ubriaco (F. Guccini)

 

Appoggiato sulle braccia, dietro al vetro d'un bicchiere,
alza appena un po' la faccia e domanda ancora da bere.
I rumori della strada filtran piano alle pareti,
dorme il gatto sulla panca e lo sporco appanna i vetri.

Cade il vino nel bicchiere poi nessuno più si muove
e non sai se fuori all'aria ci sia il sole oppur se piove.
E quell'uomo si ricorda e, per uno scherzo atroce,
quasi il vino gli dà forza, l'illusione gli dà voce.

E si alza sulle gambe, sbarra gli occhi e poi traballa,
come con i riflettori sopra il gesto delle braccia..
La la la la la la ..

Ma si ferma all'improvviso e ricade giù a sedere,
torna l'ombra sul suo viso, torna il vino nel bicchiere.
E lontano, oltre, nel tempo, una folla misteriosa
è scattata tutta in piedi, grida: "Bravo, bene, ancora!"

Son tornati i riflettori sul suo viso e sulle mani,
si alza e accenna ad un inchino per quei pubblici lontani.
E più forte tra quei muri quella voce ora si è alzata
e fa tintinnare i vetri e rimbalza sulla strada...
La la la la la la ..La la la la la la ..

(da un'intervista di F. Guccini:
L’ubriaco è la fusione di due personaggi. Io ho fatto anche il giornalista per un anno e mezzo in un giornale di Modena, un giornale di provincia. C’era un portiere, fattorino, tuttofare, un signore anziano, anziano come potevo vederlo io che avevo vent’anni e allora sarà stato magari molto più giovane di quanto non lo sia io adesso. Era un ex cantante di operetta. Molto umile, servile. Ogni tanto i cronisti più vecchi di me lo prendevano in giro, ma bonariamente:"…dai, facci un acuto!" "Ma no dottore non son più capace...". E questo è uno dei due personaggi. L’altro invece è uno che avevo incontrato in un’osteria di Bologna, che era sempre perso nel vino. Era alcolizzato ed era anche lui un ex cantante. Da questi due personaggi è nato l’ubriaco. )