Il sito sulle osterie
piú seguito
d'Italia

Estrai il sogno dal cassetto
Apri la tua Osteria
Con il marchio Sapor di Osteria

Ritorna
al portale



Aiutaci
ad arricchire
questo sito


Poesie in dialetto

--
Dialetto: Umbria
 
A l'osterìa
 
A l'Osteria nch'i amici doppo cena
i' nun ce vò perché me pièce 'l vino.
E' sol' che vojio sta' 'n po' men' vicino
ta 'sto monno de schifo che me fà pena.
 
'N vita mia nun zò' stèto mai nissuno.
Sò' quillo che tutti hònno bastonèto.
Ma quanno me 'nbrièco sò' qualcuno
e subb.to me sembra d'èsse' arnèto,
 
Si me gonfio de vino come 'n pallone
volo alto ntol cièlo sempre più 'n zù
'N zò' più quillo che 'n terra èva cojione
ma sò' 'l padrone che comànna da lassù.
 
Mentre veggo 'st'inzètti che se mòvono
come furmiche cinine che camineno
per me è com'èsse' 'nto 'na grande fèsta
perché ta 'sti cosini je posso piscè 'n testa.
 
Ma doppo che mè sò' 'n po' divertito
me tocca tornè a chèsa e nun c'hò vojia.
La mi mojie st'aspettàmme 'nto la sojia
e me dà' 'ntol groppone 'l bèn servito.
 
Vedete béne che quista è la conferma
da come a cécio so' trattè' dda 'l monno.
Per tisto c'hò la 'ntenzione 'n bèl po' ferma
d'argì nch'i amice a beve quan' c'arvònno.
 
Giampiero Tamburi
Traduzione in italiano
 
A l'osteria
 
A l'osteria con gli amici dopo cena
io non ci vado perché mi piace il vino.
È solo che voglio stare meno vicino
a questo mondo di schifo che mi fa pena.
 
In vita mia non sono stato mai nessuno.
Sono quello che tutti hanno bastonato.
Ma quando mi ubriaco sono qualcuno
e subito mi sembra di essere rinato.
 
Se mi gonfio di vino come un pallone
volo alto nel cielo sompre più in su.
Non sono più quello che in terra era imbecille
ma sono il padrone che comanda da lassù.
 
Mentre vedo questi insetti che si muovono
come formiche piccole che camminano
per me è come essere in una grande festa
perché a questi oggettini gli posso orinare in testa.
 
Ma dopo che mi sono un poco divertito
mi tocca tornare a casa e non ho voglia.
Mia moglie sta aspetandomi sulla soglia
e mi da nella schiena il ben servito.
 
Vedete bene che questa è la conferma
da come a proposito sono trattato dal mondo.
Per questo ho l'intenzione un bel po ferma
di ritornare con gli amici a bere quando ci rivanno.


 

Dialetto: Pordenonese
 
Del Vin
 
L'è chi che i lo vol nero, e chi che i lo vol bianco,
e quel che ghe ne vol tre biceri, parsora del banco,
l'è quel che i lo vol biologico, e quel che i lo vol Doc,
e quel che ghe ne beve tant, e quel che ghe ne beve poc,
l'è chi che i lo beve par passion, e chi par el gusto,
e quei che i lo beve par sè, e i ghe ne svoda un fusto,
l'è chi che i lo vol rosso rubin e chi rosso granà,
e quei che 'l ghe piase novel piuttost che invecià,
l'è chi che i lo degusta parchè l'è el sò mestier,
e par dir se le bon o cativo i fraca el naso dentro el bicer,
el sente e el conta i profumi che l'è in te sto mondo,
el te dis se el gusto l'è quadrato, pien o l'è rotondo,
se se sente una punta de spessia, o de savor frutato,
se l'è salà giust, se lè morbido o se l'è velutato,
l'è chi che i lo beve al posto de la sò medisina,
e chi che ciapa na bala, co i lo travasa in cantina,
l'è chi che 'l dis che fa ben e chi che dis che fa mal,
e quei che no ghe ne frega gnent e i ghe ne beve un bucal,
insoma un mese e più podaria de sicuro star,
par tirar fora storie, apresamenti e poderlo lodar,
ma quel che mi penso de più che serenamente,
l'è che bisogna beverghin poc, bon e sapientemente,
a tola un bon bicer a nissun ga mai fat mal,
ma torno a dir de un bicer e no de un bucal,
e ades che vedo che par nome no lo go mai ciamà,
me acorso de averlo sol che descrit e anca lodà,
e alora in sò rispeto, also el bicier e fasso cin cin,
parchè tuti... e mone compresi, i ga capio che parlo del Vin.
 
Maurizio Marcolin
Traduzione in italiano
 
Del Vino
 
C'è chi lo vuole nero, e chi lo vuole bianco,
e quello che ne vuole tre bicchieri, sopra il banco,
c'è chi lo vuole biologico, e chi lo vuole Doc,
e chi ne beve tanto, e chi ne beve poco,
c'è chi lo beve per passione, e chi per il gusto,
e quelli che lo bevono da soli, e ne vuotano un fusto,
c'è chi lo vuole rosso rubino e chi rosso granato,
e quelli a cui piace novello piuttosto che invecchiato,
c'è chi lo degusta perchè è il suo mestiere,
e per dire se è buono o cattivo mette il naso nel bicchiere,
sente e racconta i profumi di questo mondo,
e ti dice se il gusto è quadrato, pieno o rotondo,
se si sente una punta di spezia, o di sapore fruttato,
se è salato giusto, se è morbido o se è vellutato,
c'è chi lo beve invece della medicina,
e chi ne prende una sbronza, quando travasano in cantina,
c'è chi dice che fa bene e chi dice che fa male,
e chi non gli importa e ne beve un boccale,
insomma potrei sicuramente un mese e più stare,
per raccontare storie, apprezzamenti e poterlo lodare,
ma quello che serenamente penso
è che bisogna berne poco, buono e sapientemente,
a tavola un buon bicchiere non ha mai fatto male a nessuno,
ma ripeto un bicchiere e non un boccale,
ed ora che vedo che non l'ho mai chiamato per nome,
mi accorgo di averlo solo descritto ed anche lodato,
ed allora in suo rispetto, alzo il bicchiere e faccio cin cin,
perchè tutti .... compresi gli scemi, hanno capito che parlo del Vino
 
 

 

Dialetto: Triestino
 
Due Osterie 

Ghe iera in via Rosseti due osterie
che a Trieste le ga fato storia;
passava pochi auti per le vie
e se beveva "passereta" e "gloria".
 
Più su del vecio campo de balon
dove che i greghi iera squadra forte,
do passi poco prima del canton
gaveva el "Velocipede" una corte.
 
Fra oleandri e foie de sambuco,
de sora del saliso un fià umidiz
iera un do tole càrighe de stuco
e qualche vecio che beveva 'l spriz.
 
Un poco più lontan, rente la scola
che iera per cavai 'ssai nominada,
in osteria fazevimo la spola
corendo pe'l giardin fina zo in strada.
 
Ala "Cavaleriza" qualche sera
che 'l caldo respirar no te lassava,
soto quei grossi alberi che iera,
de gòderse 'l frescheto se zercava.
 
E per le bale tute do gaveva
i campi ben tignudi e ben rulài,
e là de sera spesso se vedeva
partide bele e zogadori sgài.
 
Argeo Tomasini
Traduzione in italiano
 
Due Osterie
 
C'erano in via Rossetti due osterie
che a Trieste hanno fatto storia;
passavano poche macchine per le strade
e si beveva una bibita analcolica e "gloria".
 
Oltre il vecchio campo di calcio
dove i greci erano una forte squadra,
due passi prima dell'angolo
aveva un cortile il "Velocipede" (nome di Osteria)
 
Tra oleandri e foglie di sambuco,
sopra il lastricato un po' umido
c'erano due tavole piene di stucco
e qualche anziano che beveva lo spriz.
 
Un po' più lontano, in prossimità della scuola
che era assai nota per i cavalli,
in osteria facevamo la spola
correndo attraverso il giardino fino alla strada.
 
Alla "Cavaleriza" (altra Osteria) qualche serata
in cui il caldo non ti faceva respirare,
sotto quei grossi alberi che ci stavano,
si cercava di godersi il fresco.
 
Entrambi avevano per le bocce
i campi da gioco ben tenuti e ben rullati,
e la sera si vedevano spesso
belle partite e giocatori in gamba.
 
 

 

Dialetto: Romanesco
 
La strada mia

La strada è lunga, ma er deppiù l'ho fatto:
so dov'arrivo e nun me pijo pena.
Ciò er core in pace e l'anima serena
der savio che s'ammaschera da matto.
Se me frulla un pensiero che me scoccia
me fermo a beve e chiedo aiuto ar vino:
poi me la canto e seguito er cammino
cor destino in saccoccia.
 
Trilussa
Traduzione in italiano
 
La strada mia
 
La strada è lunga, ma il più l'ho fatto:
so dove arrivo e non mi do pena.
Ho il cuore in pace e l'anima serena
del savio mascherato da matto.
Se mi frulla un pensiero che mi scoccia
mi fermo a bere e chiedo aiuto al vino:
poi mi rallegro e proseguo il cammino
con il destino nella borsa.
 
 

 

Dialetto: Romanesco
 
All'Osteria da Orazio

Ier’sera so’ annato a l’osteria
pe’ beve un goccio, e pe’ smorza’ la sete.
Lì er vino nun lo danno a porta’ via
così so’ entrato e me so’ messo a sede’.

Siccome er cammeriere nun veniva,
pure si me sentivo così stanco,
ho capito che lì me conveniva
d’arzamme in piede e d’anna’ a beve ar banco.

E dissi a l’oste: -Si nun bevo casco,
tengo tutta la lingua appiccicata.
A sor Ora’, passateme quer fiasco
che me lo scolo tutto ‘na tirata.-

E me lo so’ bevuto per davero
co’ ‘na tirata. Doppo chiesi a Orazio:
-Dammene un artro litro ar vetro, e spero
doppo de quello de sentimme sazzio.-

Ma sazzio nun ce fui manco pe’ gnente.
E chiesi: -Un artro mezzo litro!- Allora
la sete era passata veramente.
Ma er sor Orazzio me rispose: -Ancora!-

-Ma scusa Ora’, a te che te ne frega
si vojo beve, che nun te lo pago?
Poi che ce fai te drento ‘sta bottega,
ce venni er vino o ce tiri lo spago?-

-Io te ne posso da’ quanto ne vòi
che ciai raggione, io sto qua pe’ venne’.
Tiè, bevi. Si te senti male poi
vedrai ch’abbasserai tutte le penne.-

Ma siccome nun ce pagavo er dazzio
e quer vinello era bòno assai,
je dissi: -Un artro quarto a sor Orazio,
bòno così nun l’ho bevuto mai!

Finito er quarto: -Famme un po’ er piacere,
-tanto pe’ fa’ completa la misura-
de famme beve un urtimo bicchiere
armeno spegno ‘st’artra po’ d’arsura.-

Ma, er bicchiere l’avevo ancora in mano
quanno la vista me se fece nera.
Piegai le cianche e allora piano piano
co’ un botto so’ cascato giù per tera.

A riarzamme su, so’ stati in troppi.
Così me dissi: è mejo beve a fiaschi!
Lo vedi ? Meno bevi e più te intoppi;
come te fai un bicchiere imbriaco caschi !
 
Enio Orsuni 
Traduzione in italiano
 
All'osteria da Orazio
 
Ieri sera sono andato all'osteria
per bere un goccio e per dissetarmi.
Lì il vino non puoi portarlo via
così sono entrato e mi sono seduto.

Poichè il cameriere non arrivava
anche se mi sentivo stanco
ho capito che mi conveniva
alzarmi ed andare al banco.

Dissi all'oste: "Se non bevo cado
ho la lingua appiccicata.
Signor Orazio passatemi quel fiasco
che lo bevo tutto d'un sorso".

E me lo sono scolato davvero
d'un fiato. Poi chiesi ad Orazio:
" Dammene ancora un litro sfuso, e spero
dopo quello di essere sazio".

Ma non mi saziai completamente
e chiesi: "Ancora mezzo litro!" A quel punto
la sete sarebbe veramente finita.
Ma il signor Orazio mi rispose: "Ancora vino!"

" Ma scusami Orazio, a te cosa importa
se voglio bere ancora, mica non lo pago?
E poi cosa ci fai in questa osteria,
vendi il vino o passi il tempo?".

"Io te ne do quanto ne vuoi;
hai ragione, io sono qui per vendere.
Ecco, bevi. Se poi ti sentirai male
non pentirtene".

Ma poichè ero cocciuto
e quel vino era molto buono,
gli dissi: "Un altro quarto Signor Orazio,
così buono non l'ho mai bevuto"

Bevuto il quarto di vino: "Per cortesia,
e tanto per completare la misura,
fammi bere un ultimo bicchiere
così spengo quest'ultima sete".

Ma, avevo ancora in mano il bicchiere,
quando la vista mi si annebbiò.
Mi accasciai e piano piano
con un tonfo son caduto a terra.

A rialzarmi sono stati in tanti.
Conclusi che è meglio bere a fiaschi!
Vedi? meno bevi e più inciampi;
come bevi un bicchiere cadi ubriaco!
 
 

 

Dialetto: Romanesco
 
Mentre bevo mezzo litro,
de Frascati abboccatello,
guardo er muro der tinello
co’ le macchie de salnitro.
Guardo e penso quant’è buffa
certe vorte la natura
che combina una figura
cor salnitro e co’ la muffa.
Scopro infatti in una macchia
una specie d’animale:
pare un’aquila reale
co’ la coda de cornacchia.
Là c’è un orso, qui c’è un gallo,
lupi, pecore, montoni,
e su un mucchio de cannoni
passa un diavolo a cavallo!
Ma ner fonno s’intravede
una donna ne la posa
de chi aspetta quarche cosa
da l’Amore e da la Fede…
Bevo er vino e guardo er muro
con un bon presentimento:
sarò sbronzo, ma me sento
più tranquillo e più sicuro..
 
Trilussa
Traduzione in italiano
 
Mentre bevo mezzo litro
di vino Frascati amabile,
guardo il muro del soggiorno
con le macchie di salsedine.
Guardo e penso quanto buffa è
certe volte la natura
che combina una figura
con la salsedine e la muffa.
Infatti scopro in una macchia
una specie di animale:
sembra un'aquila reale
con la coda di una cornacchia.
Là c'è un orso, quì un gallo,
lupi, pecore, montoni,
e sopra alcuni cannoni
passa un diavolo a cavallo!
Ma in fondo si intravvede
una donna nella posizione
di chi attende qualche cosa
dall'Amore e dalla Fede.
Bevo il vino e guardo il muro
con un buon presentimento:
sarò ubriaco, ma mi sento
più tranquillo e più sicuro.