Il sito sulle osterie
piú seguito
d'Italia

Estrai il sogno dal cassetto
Apri la tua Osteria
Con il marchio Sapor di Osteria

Ritorna
al portale



Aiutaci
ad arricchire
questo sito


Proverbi Lombardi

--

 

L’è bun cumé ’l pan.
E’ buono come il pane.

L’ànn metüü a pan e acqua.
L’hanno messo a pane ed acqua.

L’ànn metüü a pan e pesìtt.
L’hanno messo a pane e pesciolini fritti.

Tiràss föra ul pan de buca.
Levarsi il pane di bocca.

L’è pö minga pan de mangià!
Non è pane da mangiare!

Ul pan di altar al g’à sü sett crust e un crustin.
Il pane degli altri ha sette croste e una crosticina.

Ul pan de mica al ga piass a tütt.
Il pane a forma di mica piace a tutti.

L’è urdinari ‘mé ul pan de mej.
E’ semplice come il pane di miglio.

Ladar de pan de mej.
Ladro di pane di miglio.

La tròpa bondansa, la fa 'ngrossà la pansa.
La troppa abbondanza fa ingrossare la pancia.

écc e pòi, j è mai sàdòi.
Preti e polli non sono mai satolli.

Chi pòda a San Martì, guadègna pa e vì.
Chi pota a San Martino, guadagna pane e vino

Setèmber, sitimbrì, prepara le tine per èl vì.
Settembre, settembrino, prepara i tini per il vino.

Quant böta la igna èn Mars dè sicür vè piè i tinàs.
Quando germoglia la vite a Marzo di sicuro riempi i tini.

Milan el po' fa e'l po' dì, ma el po' minga l'acqua in vin convertì.
Milano può fare e dire, ma non può trasformare l'acqua in vino.

Sòta la nèf gh'è l pàn, sòta ai campanè gh'è al pàn e 'l vèn.
Sotto la neve c'è il pane, sotto il campanile c'è il pane ed anche il vino.

El venter pien el considera minga quell voeuj.
La pancia piena non tiene conto di quella vuota.

Ul vin e i donn, a tiran scemu l'om.
Il vino e le donne, fanno perdere la testa agli uomini.

Ul vin al fà sanc, l'acqua l'è buna per lavas i pee.
Il vino fa sangue, l'acqua serve per lavarsi i piedi.

Ul ben dal padrun l'è cumè al vin in dal fiasch: incoeu l'è bun duman l'è guast.
La riconoscenza del padrone è come il vino nel fiasco: oggi è buono, domani è guasto.

A chi mescia l'acqua al vin, fagh bev l'acqua giò nel tin.
A chi mescola l'acqua al vino, fa bere l'acqua nel tino.

El vin l'è la teta di vecc (Al vin l´è al lat di vèc) .
Il vino è la mammella dei vecchi.

Parecc del gal foera di bal, parecc dela galina toecc in cantina.
Parenti del gallo fuori dalle scatole, parenti della gallina tutti in cantina.

L'e méi al vein féss, che l'acqua ciéra.
Meglio il vino torbido che l'acqua limpida.

Da la serva del prét, dal purcèl del mulinèr e dala fiòla de l'ostéir, liber nos Domine.
Liberaci, o Signore, dalla serva del prete, dal maiale del mugnaio e dalla figlia dell'oste.

Al dì de sän martìn, trà ìa l'aqua e böf al vin.
Il giorno di S. Martino butta l'acqua e bevi il vino.

A tavola se ven mai vècc.
A tavola non si diventa mai vecchi.

El stuàa besogna mangiall cont el cugina.
Lo stufato bisogna mangiarlo con il cucchiaio.

La carna tacàa e l'oss l'è la pù bonna.
La carne attaccata all'osso è la più buona.

El riss el nass in l'acqua e el moeur in del vin (Al ris al nas in l´aqua e al mör in dal vin).
Il riso nasce nell'acqua e muore nel vino.

Crepa panza ma minga roba che vanza.
Scoppi la pancia ma non ci sia roba che avanzi.

Pussée che mangià e bev se po minga fa.
Più che mangiare e bere non si può fare.

Lasa c' al fioca: pan, vin e cioca.
Lascia che nevichi: pane, vino e sbornia.

Pan, vin e oca, e se ‘l vöör fiucà che ‘l fioca. 
Pane, vino e oca, e se vuole nevicare, nevichi pure.

La roba pussée buna l'è quela che se mangia in cà di alter (Chisà parchè la roba püsè bona l'è quela ca sa mangia in ca di oltar).
I piatti migliori si gustano a casa degli altri.

Fin che dura pan e vin, te pö impipassen del destin.
Finché durano pane e vino, puoi non preoccuparti del destino.

A fa l'ost ghe voor tri ròb: la dòna bèla, el vin bun e l'òmm cuiun.
Per fare l'oste ci vogliono tre cose: la donna bella, il vino buono e l'uomo coglione.

Laurà cun legria, l'è 'l mej mestéè che ga sia.
Lavorare con allegria, è il più bel mestiere che ci sia.

Töti i ustéer i dìis che el so vìin lè püsèe bòon.
Tutti gli osti dicono che il loro vino è più buono.

Chi sa el latin el loda l'acqua e el bève l vin.
Chi sa il latino loda l'acqua ma beve il vino.

Ch´a vegna Francia, ch´a vegna Spagna, basta ch´as magna. 
Che venga Francia o che venga Spagna purchè si mangi.

Pan d'un dì, vin ad n'an e na vècia ad disdòt an. 
Pane di un giorno, vino di un anno ed una vecchia di diciotto anni.

Magna, bef e tas, s´at vö vivar in pas. 
Mangia, bevi e taci se vuoi vivere in pace. 

Stomegh voeuj, cervell slavàa.
Stomaco vuoto, cervello slavato.

Ne a l'ustaria ne in lecc se diventa vecc.
Né in osteria né a letto si diventa vecchi.

Mangia bev e caga e lassa che la vaga.
Mangia bevi e vai di corpo e lascia che vada.
 
L'aqua la fa mal, la bev dumà la gent de l'uspedal.
L'acqua fa male, infatti la bevono in ospedale.

A l'osteria s'è semper in compagnia.
All'osteria si è sempre in compagnia.

Se 'l fasess l'ost sariss on falliment.
Se facesse l'oste sarebbe un fallimento.

Fà i cunt cont l'ost.
Definire le proprie posizioni debitorie.

Pöta da ostér, caala da malghéss, aca da urtulana, porca da mulenér, lassàghele a chi gh'j-à.
Ragazza da osteria, cavalla da malghese, mucca da ortolana, porca del mugnaio, lasciarle ai loro padroni.

Boca fa sito che tàn paghe mes bicer.
Bocca stai zitta che ti pago mezzo bicchiere.

Chèl chè'l rìa tàrde al mangia i ànsaròcc.
Chi arriva tardi mangia gli avanzi.

Del sunì a s'böta vià negótt.
Del maiale non si butta via nulla.

La bóca l'è mia straca se la sènt mia de aca.
La bocca non è sazia se non sa di vacca.

La bocca l'è minga stracca se la sa nò de vacca.
La bocca non è stanca se non ha il sapore della mucca.

Ól vì bù l'è'l bastù di ècc.
Il buon vino è il bastone dei vecchi.

Pulènta frègia, strachì che spössa l'è la baüssa di milanéss.
Polenta fredda e stracchino puzzolente ingolosiscono i milanesi.

Quando l' taca a 'gnì ol pil grisì, lassa la fónna e taches al vi.
Quando inizia a diventare il pelo grigio, lascia la donna e attaccati al vino.