Il sito sulle osterie
piú seguito
d'Italia

Estrai il sogno dal cassetto
Apri la tua Osteria
Con il marchio Sapor di Osteria

Ritorna
al portale



Aiutaci
ad arricchire
questo sito


Proverbi Abruzzesi e Molisani

--

 

A lu mare ‘nce sta l’osterie.
In mare non c’è l’osteria, detto per indicare che in certi luoghi non ci si può fermare, perché è pericoloso.
 
A la chiese nghe le sante e a la candine nghe le brihante.
In chiesa con i santi e alla cantina coi briganti.
 
Arcòje l'acque e arvòteche lu vine.
Raccoglie l'acqua e rovescia il vino.
 
A chi magne siembre pulle vé vulìe de pulènde.
A chi mangia sempre carne di pollo, viene la voglia di polenta.

Chi lavora magna, chi ne lavora magna e bev'.
Chi lavora mangia, chi non lavora mangia e beve pure.

Pulitùr' di piatte onòr' d' coch'.
Pulitura di piatti, onore di cuoco.

Dentr' a la vott' pìccuel' ce stà lu vin'bbòn'.
Dentro alla botte piccola c'è il vino buono.

Sagne e pizze 'mbrèasci, sò la ruvine de la chèasa.
Lasagne e pizze cotte sulle braci, sono la rovina della casa.

Pan'assutte, vita longa.
Pane secco, vita lunga.

Pane unte e véveta de vine.
Pane unto e bevuta di vino.

Pane tutta trèsca e vine tutta vellègna.
Pane per tutta la trebbiatura e vino per tutta la vendemmia.

Pane e vine tenghe, a ste munne Ddi' me mantenga.
Pane e vino ho, a questo mondo Dio mi mantiene.

Pane e casce, nen ze rìcene i fatte de la casa.
Pane e formaggio non si dicono i fatti della casa.

Pane che l'uòcchie, casce senz'uòcchie e vine che te caccia l'uòcchie.
Pane con gli occhi, formaggio senz'occhi e vino che ti fa uscire gli occhi.

Pane assutte, lèna tonna e vine acìte fieànne la casa.
Pane asciutto, legna tonda e vino aceto fanno la casa.

Ndorza pizze e caccia pagnotte.
Mette dentro pizze e tira fuori pagnotte.

Chi spèra a re Luòtte, sta sembe a pancuotte.
Chi spera nel Lotto, sta sempre a panecotto.

A la casa de ri pile rusce, nen ce magnà e nun ce vève si ni cunusce
A casa di chi ha i capelli rossi, non mangiare e non bere se non li conosci

Chi la sera z'arreponne la crosta, la matina ze la rosceca
Chi la sera conserva la crosta, la mattina se la rosicchia

Cumme facevane l'antiche, ze magnevene prima la crosta e po' a mellica
Come facevano gli avi, mangiavano prima la crosta e poi la mollica

Le pane n'arvè senza lievite
Il pane non cresce senza lievito