Il sito sulle osterie
piú seguito
d'Italia

Estrai il sogno dal cassetto
Apri la tua Osteria
Con il marchio Sapor di Osteria

Ritorna
al portale



Aiutaci
ad arricchire
questo sito


Proverbi Lucani

--

 

Quann ven da la muntagn' pigl la zapp e va guadagn, quann ven da la marein, lass la zapp e va cucein.
Quando il brutto tempo viene dalla montagna, prendi la zappa e vai a guadagnare, quando viene dal mare lascia la zappa e va a cucinare.

Acqua passata no maciniti cchiù nu mulinu.
Acqua passata non serve più alla macina del mulino.

Aprìl ienghie i varlìr.
Aprile riempie i barili.

Pi guardà 'a carn 'i l'ati 'a tua s' 'a mangiunu 'i cani.
Per guardare la carne degli altri la tua se la mangiano i cani.

'U purpu adda coci inta l'acqua sua.
Il polipo deve cuocere nella sua acqua.

Mittisi l'ogliu 'ncoppa 'u pirettu.
Mettere l'olio nel fiasco già colmo.

Guai d' 'a pignata 'i sapiti 'a cucchiara.
I guai del tegame li conosce il mestolo.

Amici vecchi, casicavaddi pirduti.
Amici vecchi, caciocavalli persi.

A la scquagliata r' la nev s scummoglijn li strunzl'.
Quando la neve si scioglie si scopriranno le cacche (prima o poi la verità verrà a galla).

Gira ggira, u' ctrul semb' 'n'gul a l'urtulan và.
Gira gira (qualunque piega prenderanno le cose), il cetriolo va sempre nel sedere dell'ortolano (a pagarne le conseguenze sono sempre le stesse persone).

Chi magna ra sul s'affoca.
Chi mangia da solo si strozza.

Nun tene pane e va truvenne savicicchie
Non ha il pane e cerca le salsicce