Il sito sulle osterie
piú seguito
d'Italia

Estrai il sogno dal cassetto
Apri la tua Osteria
Con il marchio Sapor di Osteria

Ritorna
al portale



Aiutaci
ad arricchire
questo sito


Il Cordiale

--

 

Il Cordiale è un liquore di origine francese, ottenuto per macerazione o infusione di erbe e frutti in alcol etilico o per aggiunta di essenze ad alcol neutro. La gradazione alcolica è di circa 40% vol e viene servito come digestivo e tonico.
Il Cordiale è un liquore confortante e ristoratore: è forte e dà forza, come dice il suo nome.
Può diventare un ottimo "grog", se riscaldato in acqua bollente, un po’ di zucchero ed una buccia di limone. Ottimo sulla frutta esotica e per le macedonie in generale; dà un tocco di classe ai flambé.
Il cordial italiano, nato nel 1892 in Lombardia, è un liquore dolce e profumato a base di erbe aromatiche. Ha colore giallo dorato chiarissimo e gradazione alcolica minima di 36 gradi. Fu il liquore da dessert per eccellenza negli anni a cavallo tra Ottocento e Novecento. Il cordial francese è invece di color bruno e poco dolce.

Il liquore Cordiale ha accompagnato il soldato Italiano. Era contenuto in bustine trasparenti di plastica. Nonostante la squallida "bustina" da strappar con i denti, quel gusto e quel profumo dava una botta di calore pazzesca quando in zone impervie il freddo non ti faceva sentire più le dita delle mani o durante le marce con la neve fino alle ginocchia o, semplicemente, per "farsi coraggio".
Fu definito il liquore degli Alpini, consumato di notte durante le interminabili guardie. Fu consumato tanto in Russia, a -40 gradi, da tutti i soldati. Il Cordiale ha accompagnato ogni alpino lungo pendii e rocce scoscese, dirupi e crepacci...insomma dopo il fucile ed il mulo, l'unica cosa che non poteva mancare nello zaino era lui....un goccetto per riprendere tonicità e vigore negli slanci d'impeto e durante le ascese alle cime più alte, nella tormenta di neve e lungo i ghiacciai.....


Ecco come preparare il Cordiale:

 Ingredienti: 300 gr. di bacche di ginepro; 5 gr. di cannella; 10 gr. di semi di anice; 1,5 kg. di zucchero; ½ litro di acqua; 2 litri di alcool a 60°

Procedimento: macerate per 10 giorni le bacche di ginepro pestate nel mortaio e messe in un barattolo ermeticamente chiuso. Create uno sciroppo sciogliendo lo zucchero con l’acqua e fate raffreddare, unitelo nel barattolo, mescolate con una frusta e lasciate macerare per due giorni ancora.  Filtrate attraverso una tela sottile strizzando bene il residuo solido. Aspettate qualche giorno ed imbottigliate filtrando per carta, in modo che il liquore sia perfettamente limpido. Lasciate invecchiare il liquore almeno qualche mese.