Il sito sulle osterie
piú seguito
d'Italia

Estrai il sogno dal cassetto
Apri la tua Osteria
Con il marchio Sapor di Osteria

Ritorna
al portale



Aiutaci
ad arricchire
questo sito


Proverbi Emiliani Romagnoli

--

 

Se t'vò stè ben, magna fort e be de' ven!
Se vuoi star bene, mangia molto e bevi vino.

Dop avé dbù ignún vô dí la sù.
Dopo aver bevuto ognuno vuol dire la sua.

Una bona dbuda la t' fa rómpar mej l'êria e la t' fa vdé e' mond pió bël.
Una buona bevuta ti fa romper meglio l'aria e ti fa vedere più bello il mondo.

S't'vù gudé la sanitê e' ven t'é da daquê.
Se vuoi godere salute dovrai innaffiare il vino.

Par San Martèn u s'imbariêga grend e pznèn.
Per San Martino s'ubriacano grandi e piccini.

L'uva ad muntagna ch' n' la pêga u n' la magna.
L'uva di montagna chi non la paga non la mangia.

Legna verda, pan cun la mofa e ven fôrt e pu l'è un mirêcul s'a n sò môrt.
Legna verde, pane con la muffa e vino forte (acido) e poi sarà un miracolo se non sono morto.

La mela cruda la tira drì una dbuda, la mela cota la n' tira drì una ciòpa.
La mela cruda trae dietro una bevuta, la mela cotta ne trae seco il doppio.

I pez fiur j è quìi de' ven.
I peggior fiori sono quelli del vino.

E' ven l'è la tetta di vécc.
Il vino è la poppa dei vecchi.

E' sugh dla vída l'arvena la vita, che trop a n' birà la vita u s'arvinarà.
Il succo della vite rovina la vita, chi troppo ne berrà, la vita si rovinerà.

E' ris e' nëss int l'aqua e e' vò murì int e' ven.
Il riso nasce nell'acqua e muore nel vino.

E' cómar quand che vèn e l'uva quand ch'la va.
Il cocomero a sua stagione e l'uva a stagione tarda.

De ven bon s't'biré e' tu sangv t'arnuvaré.
Se berrai vino buono, rinnoverai il tuo sangue.

Bì e' ven e lassa andê l'aqua a e' mulen.
Bevi vino e lascia andare l'acqua al mulino. 

Dla tevla en s'elza mai se la boca la n'ha de furmaj.
Dalla tavola non ci si alza mai se la bocca non sa di formaggio.

Sò da tavla an se stà mai se la boca la ‘n sà ‘d formai
Dalla tavola non ci si alza mai se la bocca non sa di formaggio

E' cugh e sent è bcon piò bon.
Il cuoco assaggia il boccone più buono.

La brasala 'd chijetar a la pè sempar piò granda.
La braciola degli altri sembra sempre più grande.

L'inguela la j'a da navighè, da viva e da morta.
L'anguilla deve nuotare, da viva e da morta.

A panza pina u s'ragiona mej.
A pancia piena si ragiona meglio.

Un gòt e' fa ben, du i n' fa mel, u t'arvena un buchel!
Un bicchiere fa bene, due non fanno male, ti rovina un boccale!

Nissun piat gòsta e vèl come i caplètt al dè'd Nadèl.
Nessun piatto gusta e vale quanto i cappelletti il giorno di Natale.

Dona giuvna, vëin, turtél e va là che'l mond l'è bèl.
Donna giovane, vino, tortellini e dai che il mondo è bello.

Al per al ritrat dal fant ed copp.
Sembra il ritratto del fante di coppe cioè sempre col bicchiere in mano.

È pass par quant l'è longh la gamba, è bcôn par quant l'è lêrga la boca.
Il passo per quanto è lunga la gamba, il boccone per quanto è larga la bocca.

Quànd la bérba la fa al stupéin, làsa la d-nna e dat al véin.
Quando la barba fa lo stoppino, lascia la donna e datti al vino.

J'omi cativi e al vèin bon i düri pocu.
Gli uomini cattivi e il vino buono durano poco.

Tre aqui cunsumèdi: lavèr la chèrna, daquèr al vèin e lavèr un cuntadèin.
Tre acque consumate: lavare la carne, aggiungere acqua al vino e lavare un contadino.

Se t'bì dè ven dla fôrza t'a n ciaparè, ma se trop t'a n birè la fôrza t'pardarè.
Se bevi vino prenderai forza, ma se troppo ne berrai la perderai.

A zapèr la veggna d'agasst, as rimpéss la canténna ed masst.
Chi zappa la vigna d'agosto, la cantina riempie di mosto.

Vén e lat, vulain bèl e fat.
Latte e vino, veleno già fatto.

Un se mai struzè e che sal taiadeli.
Non si è mai strozzato un cane con le tagliatelle.

Mej puzê'd ven che'd zera.
Meglio puzzare di vino che di cera.

Contra i pinsìr un gran rimédi l'è è bichìr.
Contro i pensieri un gran rimedio è il bicchiere.

L'aqua la fa mêl, è ven è fa cantê.
L'acqua fa male, il vino fa cantare.

Al prémm turtèl, an vén mâi bèl.
Il primo tortellino non viene mai bene.