Il sito sulle osterie
piú seguito
d'Italia

Estrai il sogno dal cassetto
Apri la tua Osteria
Con il marchio Sapor di Osteria

Ritorna
al portale



Aiutaci
ad arricchire
questo sito


Proverbi Calabresi

--

 

U Signuri nci duna pani a cu non avi denti.
Dio da il pane a chi non ha denti per masticarlo.

Amàru chi lu puorcu nun ammazza, 'a vidi e la disiddera 'a sasizza.
Guai a chi non ammazza il maiale: poi vede e desidera la salsiccia.

Cù simina 'nta vìgna nò mèti e nò vindìgna.
Chi semina nella vigna, non miete e non vendemmia.

'U mangiari senza'mbiviri è comu u tronàri senza chioviri.
Il mangiare senza bere è come il tuonare senza piovere.

Quandu 'a tavula è misa cu non mangi perdi 'a spisa.
Quando la tavola è apparecchiata chi non mangia perde il cibo.

Quocila comi voi sempri cucuzza esti.
La zucca la puoi cucinare in maniera diversa, ma sempre zucca resta.

Ogni viti voli u palu soi.
Ogni vite vuole il giusto sostegno.

Omani di vinu ogni centu nu carrinu.
Gli uomini che si ubbriacano non valgono niente.

I guai da pignata i sapi a cucchiara chi i manija.
I difetti della pentola li conosce bene il cucchiaio che è all'interno.

Mejju n'ovu oi ca na gaglina domani.
É meglio accontentarsi dell'uovo oggi anziché la gallina domani.

Calabrisi e mulii mai suli.
I calabresi e i muli hanno in comune la testardaggine.

U saziu non cridi o sdiunu.
Chi ha mangiato non si mette nei panni di chi è a digiuno.